Via Umberto I, 39 - Montisi (SI)0577 845178info@lalocandadimontisi.it
  • en
  • it

Il Borgo e i dintorni

Montisi è un antico borgo, dalla lunga storia.

I primi documenti certi risalgono al XII secolo, quando Montisi era un castello dei Conti della Scialenga, originari di Asciano e precisamente del ramo dei Cacciaconti, i quali verso il 1175 riconoscono la sovranità del Comune di Siena. Nel 1291 i tre fratelli Cacciaconti, Simone, Fazio e Cacciaconte, stipulano un atto di spartizione dei diritti e delle rendite del borgo e del castello di Montisi. Probabilmente i Montisani non accettano di buon grado il dominio diretto di Simone Cacciaconti, il quale un anno dopo, alla testa di un gruppo di armati, attacca il castello e lo conquista. Tre dei difensori vengono uccisi, altri sono feriti e quando Simone si ritira, rendendosi conto di non poter imporre il suo dominio senza lasciare a Montisi una forte guarnigione di occupazione, incendia il borgo e depreda gli abitanti dei loro averi e di tutto il bestiame. Di questo episodio, resta tuttora testimonianza nella Giostra di Simone, che si disputa ogni anno a Montisi nel pomeriggio della Domenica piu prossima al 5 agosto, festa della Madonna delle Nevi, patrona di Montisi.

 

 

La Comunità di Montisi ha fine nel 1777, quando il Granduca di Toscana Leopoldo, nel quadro di una serie di riforme tendenti a uniformare i vari ordinamenti in vigore nel territorio del Granducato, assegna Montisi quale frazione al Comune di Trequanda, cosi come Petroio e Castelmuzio. I rapporti fra il Comune e queste tre frazioni si guastano verso la metà dell’800 e Montisi chiede ed ottiene di passare al Comune di San Giovanni d’Asso. Con il 1° gennaio 1878, in base ad una legge firmata da Vittorio Emanuele II Re d’Italia, Montisi diventa perciò frazione di San Giovanni d’Asso. Dal 1° Gennaio 2017 Montisi, così come tutto il territorio di San Giovanni d’Asso, fa parte del Comune di Montalcino.

I nostri amici

Menu